La Cucina - Impronte
50999
page,page-id-50999,page-template-default,eltd-core-1.0.3,ajax_updown,page_not_loaded,,borderland-ver-1.8.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290,smooth_scroll,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,vertical_menu_inside_paspartu,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

La Cucina

 

Un ristorante che vive di verità, ricerca, qualità e personalità.   

Cristian e Rasta

 

Lo stile dello Chef Cristian è decisamente eclettico e passa attraverso molte delle passioni che accomunano le giovani generazioni ai fornelli, con le acidità in bella evidenza, le affumicature a dare sferzate importanti al palato e alcuni giochi di contrasti da cogliere in punta di forchetta.  Il menù gioca la carta della stagionalità, la carta cambia di volta in volta approfittando anche di scelte istintive e delle possibilità offerte dal mercato e dai prodotti del momento.

Da Impronte la cucina è concreta, ma vive del bell’ equilibrio tra gusto e sottili sensazioni, perché una delle passioni del cuoco è quella di valorizzare le materie prime.  Ciascun piatto nasce da un ricordo, un’emozione vissuta che in cucina prende vita e si arricchisce di ricerca e tecnica a servizio della valorizzazione della materia prima.

 

Melanzana

 

Una proposta stagionale e fresca che comunica con il territorio, con la tradizione così come con l’innovazione che costantemente attraversa questo settore e si completa della creatività che anima la nostra cucina

«Sempre però con la tecnica che è al servizio dell’ingrediente – ricorda Cristian – perché la mia è una cucina di facile approccio, ma vuole essere, in poche parole, personale, semplice e profonda allo stesso tempo. E spesso nasce da piccole sensazioni personali. Faccio un esempio: uno dei piatti è ‘Ricordo di una grigliata’ al profumo di aghi di pino, un piatto nato durante una cena in pineta nella maremma toscana, quando cucinando delle semplici costine sono passato vicino al fuoco e le sensazioni olfattive mi hanno convinto a replicarle al ristorante».

 

Agnello 1

Branzino alle erbe

 

Una cucina di sostanza e di carattere, che vuole spiccare il volo muovendosi tra solidità interpretativa e contenutistica (non potrebbe essere diversamente visto il background del cuoco) unite a una certa elettricità che spinge sull’ acceleratore quando si evidenziano acidità al palato, quando arrivano alcune affumicature decise, oppure quando i contrasti prendono il sopravvento.

La carta dei vini offre etichette interessanti e punta molto su Italia e Francia, con in bella evidenza qualche etichetta di Champagne e bollicine italiche.

 

Cristian che monta la panna